CARATTERISTICHE FISICHE ED ORGANOLETTICHE:
Colore: rosso rubino intenso.
Profumo: ricco, intenso, fruttato.
Gusto: armonico, rotondo, persistente. Tannini ben presenti.

TEMPERATURA CONSIGLIATA: 18°C

ABBINAMENTI GASTRONOMICI:
carni arrosto o alla griglia e formaggi.

DATI TECNICI

Vitigno: 40% Nero d’Avola, 30% Cabernet Sauvignon, 30% Syrah

Provenienza: Contrada Virzì, Monreale, Palermo
Foglio di Mappa 142

Esposizione: Nord-Ovest

Altimetria: 250 s.l.m.

Terreni: A granulometria sabbiosa-argillosa

Allevamento: Spalliera Guyot semplice

Densità d'impianto: 5.000 piante/ettaro

Anno d'impianto: 1990-2000

Vendemmia: Metà Settembre

Resa: 50 ettolitri/ettaro

Vinificazione e affinamento: Fermentazione spontanea da pied de cuve delle nostre uve in assenza di solforosa, in vasca di cemento. Macerazione fino a 10 giorni a temperatura controllata.

Invecchiamento: 1 anno in vasca di cemento e 12 mesi in bottiglia

Capacità: 75 cl. - 150 cl.

  • Le mie riflessioni
  • Premi

A differenza del Syrah etichetta rossa, è un vino di struttura con l'eleganza tipica di un taglio bordolese siciliano, quindi Nero d'Avola, Cabernet Sauvignon e Syrah. Ne produciamo 45.000 bottiglie.

Il Don Pietro rosso è la prima bottiglia prodotta dall'Azienda Spadafora: parliamo del 1993, anche se la prima prova risale al 1991 (ne vedrete la foto).

Poiché ero l'unico che lavorava con mio padre, quando proposi alla mia famiglia che mi sentivo pronto a gestire l'azienda non più come produttore di uve ma come vinificatore per poi imbottigliare in cantina, intitolando la prima bottiglia a mio padre, ricordo che fui guardato con sospetto per non dire con un po' di paura. Infatti non era previsto che in una nobile famiglia l'eventuale vino prodotto potesse chiamarsi col nome del genitore appena scomparso; cercai di spiegare che questo per me era la condizione necessaria per iniziare questa nuova avventura e, prendendomi le mie responsabilità, dopo l'esperienza della cantina sperimentale che avete letto nella cartella Vini, iniziai a studiare il processo di vinificazione.

Iniziare a produrre un vino con tanti risvolti personali poteva anche essere motivo di insonnia ma non è stato così, anzi sinceramente debbo dirvi che ancora oggi, quando vado in giro per seguire il mercato e trovo una bottiglia in giro, mi si stringe il cuore.

La vinificazione delle uve del Don Pietro rosso avviene in periodi diversi: la prima uva ad essere vinificata è il Syrah, poi il Nero d'Avola e per ultima il Cabernet Sauvignon. La parte che trovo più interessante è il momento dell'assemblaggio, quando cioè devo decidere le percentuali di ognuna, che ovviamente, vanno a seconda dell'interpretazione dell'annata.

Nella scheda tecnica del vino verrà riportato quanto scritto nella controetichetta e vi renderete conto che produrre vino per me è qualcosa che va oltre il mero commercio, visto che ogni bottiglia porta il mio nome, specialmente questa bottiglia dedicata a colui che, suo malgrado, mi ha consegnato una splendida terra per produrre uva.

  • Wine Spectator - Don Pietro rosso 2012 - 90 Points
  • Wine Enthusiast 04-2015 - Don Pietro 2011 - 89 Points
  • Wine Spectator magazine (October 31, 2014) - Don Pietro 2010 - 90 Points
  • Wine Spectator magazine (October 31, 2014) - Don Pietro 2009 - 90 Points
  • Wine Spectator 09-2014 - Don Pietro 2010 - 90 Points
  • Wine Enthusiast 03-2013 - Don Pietro 2009 - 88 Points
  • Concours Mondial de Bruxelles 2009 - Don Pietro 2006 - Gold Medal
  • Annuario dei migliori vini d'Italia - Luca Maroni 2008 - Don Pietro Rosso 2005 - 88 Punti
  • jamessuckling.com - Don Pietro 2013 - 89 pts