• La Vigna
  • La vendemmia è solo l'atto finale

L'uva coltivata in Azienda viene raccolta a mano e arriva in cantina in piccoli carrelli di circa sei quintali in circa dieci, quindici minuti dal taglio, così da essere lavorata immediatamente.

La vendemmia dell'uva bianca - Chardonnay, Inzolia, Catarratto e Grillo - comincia la mattina intorno alle sei così da arrivare a una temperatura intorno ai 17°C. Le uve vengono coltivate ad un'altezza variabile tra i 220 e i 400 metri sopra il livello del mare e, in condizioni normali, subiscono un'escursione termica di circa 10-15°C, tra il giorno e la notte.

L'uva bianca viene sgrappolata quindi, tramite una pompa volumetrica a vite eccentrica rotativa, a caduta passa da uno scambiatore di calore, che abbassa ulteriormente la temperatura di altri 10-15°C, per arrivare poi in una pressa soffice.

Il mosto viene subito raffreddato - avviene così una decantazione spontanea - circa due giorni dopo viene travasata la parte limpida nelle vasche di cemento dove avverrà la fermentazione controllata.Le uve rosse vengono lavorate anch'esse immediatamente: vengono sgrappolate e poi, tramite la stessa pompa, trasferite negli appositi fermentini per la macerazione. La durata della macerazione sulle bucce avviene in tempi diversi da uva a uva: Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah e Nero d'Avola.

Terminato il periodo della macerazione con le bucce, l'uva viene pressata nella pressa Vaslin e viene separato il liquido dalla successiva pressatura; poi si trasferisce nelle vasche di cemento dove avviene la successiva fermentazione malolattica; a quel punto una parte del prodotto viene stoccato in piccole botti di rovere da 225 lt nel locale adibito all'invecchiamento e un'altra parte si affina direttamente in cemento.

Una volta pronto il vino, questo viene imbottigliato e confezionato in Azienda tramite un monoblocco Bertolaso, una capsulatrice e un'etichettatrice Cavagnino e Gatti.

La vendemmia è solo l'atto finale di un processo che in una vigna dura tutto l'anno.

Cominciamo per comodità dall'inverno, una stagione interlocutoria in cui tutto quello che si fa è in previsione della raccolta futura. L'inverno è la stagione in cui si fanno due cose essenziali: si mette in bottiglia il vino prodotto qualche mese prima e si potano le vigne. D'inverno ci si augura che piova: la pioggia è garanzia di tranquillità perché per la terra è importante che si crei una riserva naturale da utilizzare quando il sole sarà alto e caldo.

Arriva la primavera. A metà marzo le vigne cominciano a germogliare ed è fantastico vedere le foglioline che cominciano ad aprirsi alla luce. Cambiano gli umori, cambia la temperatura, cambiano i colori della terra che rivive dopo il torpore dell'inverno. Ad aprile le foglioline iniziano a diventare foglie.La terra ha ormai cambiato colore, tutt'intorno è verde ma fra i filari ci sono lunghe strisce di marrone intenso. Il marrone è un colore che esprime potenza e passione; è l'anima di una vigna che sta bene.

La pioggia primaverile, saltuaria ma sempre ben accetta, può evitare l'irrigazione estiva; è però quella che, se viene improvvisamente qualche giorno di scirocco, può portare qualche piccola malattia precoce alle vigne.Maggio è quasi l'inizio dell'estate ed è il mese in cui inizia idealmente la vendemmia. Si comincia a pensare alle produzioni, alla bottiglia anche se siamo sempre consapevoli che solo il tempo può stabilire se sarà o no una buona vendemmia. Assistiamo alla fioritura, assistiamo alla trasformazione del fiore in piccolo grappolo e si comincia a pensare a quando si raccoglieranno i grappoli maturi.

È cominciata l'estate, che si concluderà solo a fine vendemmia. D'estate si parla con l'uva, con le foglie, con la luce. Si gira per la vigna e si parla. Quaranta giorni prima della raccolta si chiede ai grappoli superflui di farsi da parte; è una scelta difficile, ma se si vuole arrivare a grappoli belli e potenti purtroppo non c'è altra scelta. Si controlla la vegetazione che piano piano allenta la sua crescita a favore della maturazione dell'uva. È il momento della gran luce, è il momento delle passeggiate a piedi per controllare, assaggiare, guardare.

Dopo tante giornate in cui si controlla, si assaggia e si guarda, improvvisamente un giorno arriva la prima uva in cantina: è iniziata la vendemmia.Si pesano i grappoli, si contano sulle piante a campione, si verifica, insomma, se il lavoro in vigna è stato fatto bene.

Calendario vendemmia
 
Agosto
Settembre
Ottobre
Agosto
 
 
Agosto
Settembre
 
Agosto
Settembre
 
Agosto
Settembre
 
Agosto
 
 
Agosto
Settembre
 
 
Settembre
 
Agosto
Settembre
 
 
Settembre
 
 
Settembre
 
Agosto
Settembre
 
 
Settembre
 
Passito (vendemmia tardiva)
 
 
Ottobre
27
Mar
2014
C'é chi rimane sempre indietro !!!
Vedete quel trattore, vedete quello che può sembrare fumo dietro il trattore? Bene, non è fumo ma liquido che sparge con un atomizzatore, ed è liquido chimico, è un disserbante...
2
Dic
2013
Ci siamo !!!
É ufficialmente iniziata la nuova annata che ci porterà alla raccolta del 2014. Si stabiliscono ora le gemme che diventeranno tralci ed uva e per tutte le tipologia di uva non é mai...