Il blog di Francesco Spadafora

10
Dic
2016
Storia di un tralcio appena potato
Storia di un tralcio appena potato

Sono un tralcio, anzi un ex tralcio e mi definisco così perché ormai per quest'anno ho portato a termine il mio lavoro. Ho portato a casa alcuni grappoli che hanno contribuito a produrre un vino e non ha importanza quale. Ho contribuito a far sì che da qualcuno di quei grappoli nascesse quel liquido che poi finirà nel bicchiere di qualcuno. Ho fatto si che la storia non si interrompa e che continui la favola, che da un tralcio nasca una bottiglia.

Ora inizia una nuova storia, non sarò più un ex e diventerò la culla di nuove gemme. Qualcuno mi poterà e francamente non mi interessa chi sarà, ma solo che abbia il buon senso di permettermi di fare nascere quelle nuove gemme da cui possano a loro volta nascere nuovi grappoli che poi daranno vita ad una nuova vita .

Ho l'impressione che la storia si ripeta ma la certezza che ho trovato il posto giusto perché chi si occuperà di me avrà voglia di farlo e curerà quei grappoli che, una volta vino, andranno in quel bicchiere dove prima era già andato mio nonno. E già allora aveva fatto sorridere qualcuno.

Da ex a tralcio, la vita scorre aspettando il momento di partecipare ad un momento speciale in un bicchiere. E questo è il motivo perché ogni anno mi faccio potare felice.

 

Commenti (0)